Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Autostrade dell’acqua e cambiamento climatico. Tra criticità e futuro

evento-21-maggio

Utility, docenti universitari, regolatori, imprese e studenti si sono dati appuntamento nella sede di Livenza Tagliamento Acque per parlare di acqua, clima, innovazione e futuro

Di Emanuele Martinelli

Grande partecipazione di pubblico per il convegno organizzato da Confservizi Veneto Friuli Venezia Giulia lo scorso 21 maggio con la collaborazione di Livenza Tagliamento Acque – che ha ospitato l’incontro nella splendida sede di Sesto al Reghena – e di Energia Media. Rappresentanti di Utility, istituzioni e mondo accademico, insieme a una rappresentanza di studenti degli atenei di Padova e Udine si sono riuniti per dibattere su un tema quanto mai d’attualità. Il workshop dal titolo “Le autostrade dell’acqua: come affrontare le sfide del cambiamento climatico” ha dato modo di aprire un confronto su scala interregionale secondo diverse prospettive. Dopo l’apertura di Andrea Vignaduzzo, Presidente Livenza Tagliamento Acque e Massimo Bettarello, Presidente Confservizi Veneto Friuli Venezia Giulia, è stato il mondo accademico a dare informazioni, prospettive e solidità d’informazioni alla giornata, con gli interventi dei professori Paolo Salandin e Marco Borga dell’Università di Padova e Matteo Nicolini e Antonio Massarutto dell’Università di Udine. A più riprese è stato ribadito che il rapporto tra clima e infrastrutture idriche è un ambito certamente complesso, che necessita – per affrontare le evidenti criticità che il momento storico presenta – di una visione d’insieme in grado di integrare ricerca, sviluppo tecnologico, quadro regolatorio e nuovi modelli finanziari. Paolo De Alti di Regione Friuli Venezia Giulia, Massimo Cornaviera di Viveracqua e Massimo Battiston di CAFC hanno dunque tracciato le linee strategiche e operative delle infrastrutture regionali sempre con l’obiettivo di fornire servizi migliori ai cittadini. Confermate e dibattute dagli interventi che si sono susseguiti durante la tavola rotonda a cui hanno partecipato Marcello Del Ben di AUSIR, Massimiliano Campanelli del Bacino Laguna di Venezia, Giancarlo De Carlo di LTA, Roberto Gasparetto di AcegasApsAmga e Andrea Razzini di Veritas. Un panel rappresentativo di organi delegati a regolazione e governance unito a gestori del servizio idrico di Veneto e Friuli che formano oggi una rete virtuosa al servizio dello sviluppo dei territori e della collettività. La giornata è stata arricchita da una nutrita rappresentanza di studenti universitari che hanno potuto testare direttamente quanto il settore offra grandi opportunità in termini occupazionali, integrando peraltro discipline tecniche, economiche, giuridiche e sociali; una sfera professionale al servizio della collettività e della sostenibilità. Per approfondire le tematiche affrontate sono disponibili al seguente link le presentazioni dei relatori: https://confservizivenetofvg.net/eventi/21-maggio-2024-le-autostrade-dellacqua-come-affrontare-le-sfide-del-cambiamento-climatico/

Confservizi Veneto Friuli ha messo al centro della propria attività la crescita culturale del settore, il confronto tra reti di competenze e lo sviluppo di nuove professioni. Per questo nei prossimi mesi il percorso proseguirà attraverso l’organizzazione di nuovi incontri orientati all’innovazione tecnologica e di processo.

PUBBLICATO IL
27 Maggio 2024

Condividi:

media correlati