Smart Land: e se la finanza fosse responsabile e sostenibile?

 

Eppure qualcosa si muove; di recente almeno 50 fra le grandi imprese globali hanno inserito nel proprio statuto la CSR (Corporate Social Responsability), in altre parole il profitto non è più l’unico scopo di un’impresa bensì la creazione del benessere esteso. Ciò significa che la speculazione e la massimizzazione del profitto lasciano spazio a nuovi valori d’impresa che spesso soddisfano molto di più gli azionisti: ecco allora gli esempi del gruppo Lamborghini o di Microsoft per condividere con dipendenti, territori e istituzioni i risultati d’impresa

Di più, in questi giorni si alza la voce del nostro Capo dello Stato che indica una ricetta chiara: coesione e crescita passano da un rilancio deciso di investimenti in infrastrutture, reti, innovazione e ricerca, educazione e cultura.

Ma questa è la mission di Smart Land!! Pe far si che venga compiuta anche la finanza deve metterci del suo; allora ecco un altro acronimo inglese che esprime in sintesi ciò che sono i nuovi valori economico finanziari che vogliamo impostare: SRI – Sustainable and Responsible Investment.

L’investimento Sostenibile e Responsabile mira a creare valore per l’investitore e per la società nel suo complesso. Attraverso una strategia di investimento orientata al medio-lungo periodo che, nella valutazione di imprese e istituzioni, integra l’analisi finanziaria con quella ambientale, sociale e di buon governo.

Pianificare gli investimenti responsabili è una chiave strategica per lo sviluppo integrato di un territorio in ottica Smart Land poiché significa creare la necessaria armonia tra tutte le componenti:

  • Gli amministratori locali trovano nuova linfa per realizzare i progetti territoriali
  • Le imprese si integrano nel territorio
  • Le Istituzioni tracciano nuove linee guida più snelle, efficaci e sostenibili
  • I Fondi europei accelerano i finanziamenti e fanno leva con gli investimenti privati
  • Le banche ed i Fondi creano nuovi strumenti territoriali
  • L’innovazione e la ricerca hanno impulsi precisi ed efficaci
  • Il sistema culturale e formativo genera nuove piattaforme sostenibili
  • L’economia circolare e sostenibile innesta nuovi percorsi territoriali
  • I processi di coesione e sviluppo della solidarietà sociale sono enormemente facilitati

 

È solo l’inizio, è necessario creare occasioni di confronto e approfondimento partendo da casi concreti e producendo uno sforzo comune che consolidi una strada che sembra inequivocabilmente già avviata.

Non si tratta solo di recuperare equilibrio e dimensione etica ma, se si riflette bene sugli effetti che una finanza responsabile e sostenibile genera, si tratta di assicurare a tutti gli stakeholders ciò che in questo momento è l’obiettivo primario: stabilità e solidità nel lungo termine, proprio ciò che Smart Land in fondo è in grado di generare.

 

 

 

Approfondisci il tema il prossimo 5/8 novembre a Rimini presso l’area Smart Utility Hub in occasione di Keyenergy.

Print Friendly, PDF & Email