“Scenari e vendita energia: la spinta green tra innovazione, regolamentazione e mercato”, questi i temi affrontati durante il webinair appena concluso

Si è tenuto questa mattina il webinair “Scenari e vendita energia: la spinta green tra innovazione, regolamentazione e mercato”, organizzato da Energia Media

 

Come cambia lo scenario della vendita di energia in Italia a fronte del rinvio dell’apertura totale del mercato? Come regolazione e innovazione tecnologica impatteranno sull’operatività dei retailer e sul rapporto con i cittadini/clienti?

Queste alcuni dei quesiti a cui l’incontro di oggi ha cercato di dare risposta attraverso i contributi dei relatori.

L’evoluzione del mercato energetico è indirizzata da direttrici innovative di sistema, un mercato che, per essere governato secondo sistemi di sostenibilità, necessita di un corrispondente adeguamento regolatorio. Uno scenario che pur registrando un nuovo rinvio per la completa liberalizzazione del mercato, si presenta in continuo mutamento, con i retailer che guardano, ora più che mai, a un consumo e a consumatori consapevoli e parte attiva nell’ottimizzazione delle proprie abitudini.

È proprio quest’ultima la tematica che ha fatto da filo conduttore a tutti gli interventi che si sono susseguiti. In particolar modo Lorenzo Colasanti, Innovation Manager BU Mercato A2A, ha aperto l’incontro insistendo sulla necessità di educare i propri clienti, rendendoli consapevoli per poter intraprendere scelte ponderate a livello energetico. Non solo, nelle sue parole è emerso anche l’interesse a lavorare verso due diverse direzioni: la raccolta dei dati puntuale e l’uso di questi ultimi per migliorare il servizio offerto.

Il webinair ha permesso un aggiornamento quanto mai significativo in un momento storico in cui si profilano dinamiche e rapporti diversi tra stakeholder, di maggior consapevolezza e attenzione per produzione di energia (in chiave FER) e relativo utilizzo, con servizi evoluti e nuovi strumenti di conoscenza al servizio dei cittadini. In questo contesto è stato sottolineato quanto le imprese tecnologiche abbiano investito e propongano oggi ai retailer soluzioni per una gestione ottimale dei processi. Come ha dichiarato Fabio Viroli, E&U Global Business Development Atos, “il cliente ad oggi è interessato oltre che ad un risparmio energetico anche ad essere il centro di una serie di servizi aggiuntivi, non si limita quindi a subire l’offerta ma diventa il vero e proprio protagonista”. È questo il medesimo principio che ha permesso la realizzazione di Ore Free, un nuovo progetto illustrato da Sara Cervone, Head Of Billing Improvement and Revenues Forecast Enel Energia, che permette ai consumatori di avere a disposizione 3 ore di energia gratis.

Quello dell’evoluzione qualitativa degli strumenti in dotazione non è un tema di second’ordine poiché impatta direttamente sulla qualità del rapporto tra venditore e cliente. Un aspetto fondamentale laddove saranno i servizi più del prezzo a fare la differenza tra un venditore e l’altro. Tema ripreso da Antonella Periti, IT Demand Manager Gas – Power & Trading & Risk Edison e Giovanna Marzolla, Marketing Retail & Digital Director Edison.

L’intento dell’incontro è stato raccogliere le esigenze di chi si appresta a operare su un mercato che necessita di regole certe per abilitare processi sempre più virtuosi, in grado di unire esigenze di business di chi rischia sul mercato a una regolazione che vada a tutela di tutta la filiera, con al centro micro imprese, piccole aziende e cittadini, come sottolineato da Gregory Airapetyan, Power It Luce Gas e Leonardo Cavalieri, Mktg&Sales e Responsabile BU CHAIN2 MAC.

Il soggetto regolatore appare in questo contesto quello principale, con le chiavi necessarie per aprire realmente verso il futuro; con soluzioni che la Chain 2 porta verso business model avanzati (il pre-pagato per esempio) che possono evolversi solo con assetti di mercato e regolatori solidi. 

 

 

Print Friendly, PDF & Email