L’impegno di Landis+Gyr per la digitalizzazione delle reti di distribuzione

In una breve intervista rilasciata a Energia Media Vincenzo Quintani, manager director di Landis+Gyr Italy, evidenzia la risposta efficace e resiliente delle nostre infrastrutture energetiche all’attuale momento di emergenza e ci parla dell’importanza di proseguire nel processo innovativo di digitalizzazione delle reti di distribuzione energetica

 

 

Come state vivendo questo particolare momento?

Quello che mi rincuora è constatare che le infrastrutture, almeno in Lombardia e a Milano, hanno dimostrato di essere molto resilienti. Mi riferisco in particolar modo alle infrastrutture di comunicazione, elettriche e di energia in generale; nonostante nel giro di poche ore un considerevole numero di persone sia passato a prestare la propria attività lavorativa da remoto il sistema ha retto. Le abitudini rispetto al consumo energetico sono cambiate repentinamente ma le infrastrutture hanno dimostrato di essere resilienti. Mi sento dunque in dovere di complimentarmi con chi ha reso questo possibile.

Tutto ciò ci fa comprendere al meglio l’importanza di avere a disposizione infrastrutture innovative, efficaci ed efficienti e, soprattutto, quanto sia critica e funzionale l’automatizzazione di queste ultime, in particolar modo per quanto concerne la parte metrologica. Questo mi rende ancora più convinto che l’impegno per digitalizzare le reti di distribuzione vada completato nel miglior modo possibile.

 

Questo periodo sta inevitabilmente dando un’accelerata all’innovazione, spinta da fatti contingenti. Può questo, di riflesso, portare a un miglioramento dei servizi e nell’utilizzo dei dati?

Ritengo che superato questo momento, molte situazioni che davamo per consolidate verranno riviste, vi sarà senz’altro un cambiamento. Nel mondo del lavoro, soprattutto, sarà messa in discussione la necessità di operare in maniera tradizionale, credo che questo sarà un passaggio necessario. Proprio a fronte di ciò serviranno infrastrutture maggiormente efficaci.

Per quanto riguarda la distribuzione energetica continueremo a lavorare per renderla sempre più digitale e per passare all’automatizzazione, all’intelligenza artificiale, nella gestione della parte metrologia delle strutture. In tal senso il focus nello sviluppare la piattaforma innovativa cloud Energy@Net è stato proprio quello di rendere la transizione verso una utility digitale più semplice possibile. Per questo ci siamo orientati verso una soluzione di software service dove i nostri clienti non devono fare nulla se non trasferirci i dati e permetterci di entrare nei loro meter. Così facendo i clienti avranno accesso a tutte le analisi e la reportistica attraverso una pagina web, senza server o personale specializzato. Chi sceglie la nostra soluzione può quindi concentrarsi al meglio sul proprio lavoro.

 

Ricordiamo i punti principali su cui lavorate

In questo momento siamo in grado di offrire alle utility un ventaglio di soluzioni, da quelle “chiavi in mano” dove Landis+Gyr si occupa di tutti gli aspetti legati alla gestione in campo, alla fornitura dei contatori, alla gestione dell’infrastruttura, alla raccolta del dato e della sua fornitura. Tendenzialmente, dunque, l’utility non ha contatti con la sua rete di metering sul territorio.

Energy@Net rappresenta il nostro fiore all’occhiello; si tratta come accennato di una piattaforma cloud che utilizziamo per l’erogazione dei nostri servizi. Grazie a questa piattaforma siamo in grado di acquisire i dati dai contatori, dalla sensoristica e siamo in grado di fare asset management su tutta la rete di distribuzione. E non solo, ci permette di leggere i dati provenienti dai contatori elettrici, dell’acqua e in particolari condizioni anche del gas. Siamo in grado di fare moltissime elaborazioni, di creare entità virtuali per eseguire analisi energetiche, di integrare la piattaforma in maniera rapida con altre piattaforme.

Di recente abbiamo sviluppato alcuni interessanti progetti offrendo applicazioni anche ad aziende che operano nell’ambito dell’efficienza energetica come nel caso di un centro commerciale di Catania al quale abbiamo recentemente fornito il nostro pacchetto completo di servizi permettendo così all’azienda di concentrarsi sull’efficientamento.

 

Si prospetta quindi un dialogo con soggetti come le Esco o con mondi legati all’efficientamento energetico e questo rappresenta per voi un’opportunità di business. Eravate pronti a cogliere tale opportunità?

Si. Ad esempio sono particolarmente contento per essere stati in grado di integrare i contabilizzatori di calorie e frigorie in seguito alle disposizioni previste dal decreto legislativo 141 del 2016 che ha reso obbligatorio, a livello condominiale, un contabilizzatore per ogni singolo appartamento. Non è più consentito, dunque, fatturare sulla base dei millesimi dell’abitazione bensì solo sul consumo reale. Ciò ha permesso di aumentare la consapevolezza del singolo circa propri consumi. Stiamo ora entrando in una fase ulteriore, in cui una direttiva emanata a livello europeo ha previsto che i nuovi contatori installati debbano essere, entro il mese di ottobre, tutti leggibili da remoto; dal 2027 sarà invece obbligatorio sostituire tutti quelli installati precedentemente e non monitorabili da remoto.

Siamo pronti e abbiamo implementato i progetti sulla lettura dei contabilizzatori di calore; ciò oltre a farmi piacere mi fa pensare di essere assolutamente pronti ad affrontare anche questo ambito applicativo.

 

Se a favore le grandi utility avete fatto un lavoro decisamente importante, alle medie e piccole aziende invece cosa proponete?

Il pacchetto di offerta dei servizi ha un range molto ampio e si adatta bene anche a realtà medio piccole che hanno esigenze specifiche. Non dimentichiamo che la dinamica con cui queste realtà si evolvono è abbastanza rapida. Per queste utility in particolar modo diventa strategico permettere di mantenere il focus sulle loro capacità, sollevarle dalla parte metrologica in toto è per loro di grande aiuto. Noi riusciamo a focalizzare le nostre competenze in un ambito specifico e sviluppare i tool in modo efficace.

 

C’è quindi una sorta di scambio continuo?

Assolutamente. È un’esperienza bellissima, un’interazione continua che permette di individuare e ottimizzare spazi che cambiano da realtà a realtà e che da la possibilità di apprendere attraverso nuove esperienze.

 

L’esperienza diventa quindi un elemento fondamentale?

Cerchiamo di utilizzare le best practice offerte dalla nostra storia e acquisite grazie al fatto che prestiamo supporto a numerose utility in tutto il mondo. Abbiamo così cercato di riversare l’esperienza acquisita nel tempo sia nella progettazione dei software che nell’ottimizzazione delle procedure, ed è l’insieme dei due elementi che fa la differenza. Il vero punto di forza è rappresentato dall’essere in grado di offrire un pacchetto completo che integri il valore del software, la qualità delle persone che fanno interventi in campo, l’esperienza degli esperti di metrologia. È fondamentale dunque tracciare tutta la tipologia di servizi, quello che fa la differenza è sapere dove condurli e come orientare gli algoritmi dell’intelligenza artificiale.

 

Il territorio italiano è estremamente vario, passiamo da comuni isolati sui monti, a cittadine costiere che prendono vita durante la stagione estiva a grandi metropoli. Le utility, soprattutto le piccole, sono chiamate a rispondere alle peculiarità del territorio, come è possibile pensare ad uno sviluppo per questi piccoli centri? 

Vantiamo significative esperienze con utility medio piccole operanti in territori molto diversi tra loro e questo ci ha insegnato molte cose. Si tratta di esperienze importanti, soprattutto a livello umano e molto stimolanti a livello lavorativo. Le esigenze delle utility sul territorio sono diverse in base alle esigenze del territorio stesso, ad esempio in tema di distribuzione di energia le necessità che si possono riscontrare in un’isola risultano essere praticamente opposte rispetto a quelle che si possono riscontrare in un paesino di montagna.

 

 

Print Friendly, PDF & Email