Il futuro dell’acqua in Italia, tra innovazione, sostenibilità economica e ambientale

Si è svolto ieri pomeriggio, a Palazzo Isimbardi nella Sala degli Affresci: “Il futuro dell’acqua in Italia tra innovazione, sostenibilità economica e ambientale” organizzato da  Energia Media in collaborazione con +Community Città Metropolitana di Milano
con il supporto di: Water Alliance Lombardia – Accadueo 2021 – ES-PA Enea

Diversi gli esponenti che hanno portato la loro testimonianza riguardo al settore acqua. La quarta rivoluzione industriale vede l’integrazione tra sistemi fisici e IT, tra digitalizzazione e implementazione di automazione e monitoraggio, compresa l’introduzione di tecnologie intelligenti nel trattamento delle acque. E’ emerso da tutti gli interventi che innovare sia vitale per lo sviluppo del settore idrico, nel verso dell’efficienza, dell’industrializzazione del servizio e dell’applicazione dei principii dell’economia circolare.
Non solo, affrontare il tema della innovazione tecnologia significa allora affrontare il tema della strategia industriale e del business model nel settore poiché le scelte che gli operatori dovranno fare rappresentano la naturale conseguenza delle strategie messe in opera anche istituzioni. Il sistema idrico – con importanti eccezioni – versa in condizioni di arretratezza complessiva, come è stato illustrato durante l’incontro, con considerevoli danni per l’ambiente (spreco di risorsa idrica per le perdite di rete e la depurazione inefficiente, immissioni di CO2), per gli utenti (investimenti inefficaci o ridondanti, servizi insoddisfacenti) e per il mercato dei servizi idrici in generale (gestione dei processi, e quindi dei servizi, scarsamente orientati all’innovazione e al digitale in particolare).
La regolazione economica, tecnica e dei mercati si stanno sempre più concentrando sull’innovazione tecnologia per sostenere e incentivare le migliori soluzioni per il risparmio idrico, la modernizzazione delle reti e la misura intelligente dei consumi.
L’incontro di Milano, oltre a dar voce in questo senso all’importante esperienza in Lombardia della Water Alliance ha fatto il punto con il Fondo Ambiente Italiano a un anno di distanza dal “Patto per l’acqua” firmato da una serie di importanti soggetti istituzionali e industriali. In questa occasione è stato inoltre lanciato il tavolo di lavoro Water SmartItaly Goal di Enea, a fronte di un finanziamento europeo finalizzato alla crescita cultura di PA e utility.

Print Friendly, PDF & Email